Come abbonarsi Se hai acquistato il servizio e lo hai già attivato inserisci i tuoi dati Come abbonarsi Sei abbonato ma non ti sei ancora attivato?
Entra
Come abbonarsi Non sei ancora abbonato e vuoi sapere come fare?
Come abbonarsi
Scopri di più
 
Corte di Cassazione, Sezione 4 penale

Sentenza 3 gennaio 2020, n. 54
Integrale

Lesioni personali - Violazione della normativa antinfortunistica - Negligenza imprudenza imperizia - Responsabilità dirigenti aziendali - Funzioni di vigilanza - Omesso esercizio

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE QUARTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FUMU Giacomo - Presidente

Dott. DOVERE Salvatore - rel. Consigliere

Dott. MONTAGNI Andrea - Consigliere

Dott. NARDIN Maura - Consigliere

Dott. CENCI Daniele - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

(OMISSIS), nato a (OMISSIS);

avverso la sentenza del 15/11/2018 della CORTE APPELLO di FIRENZE;

visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;

udita la relazione svolta dal Consigliere DOVERE SALVATORE;

udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore TAMPIERI LUCA;

Il Proc. Gen. conclude per l'inammissibilita' del ricorso.

udito il difensore:

Per la parte civile (OMISSIS) e' presente l'avv. (OMISSIS) del foro di Siena che deposita conclusioni, nota spese e chiede il rigetto del ricorso.

Per (OMISSIS) e' presente l'avv. (OMISSIS) del foro di Roma in sostituzione dell'avv. (OMISSIS) nomina a sostituto depositata in udienza chiede l'accoglimento del ricorso.

Per il Resp. Civ. e' presente l'avv. (OMISSIS) del foro di Catanzaro in sostituzione dell'avv. (OMISSIS) che chiede il rigetto del ricorso.

RITENUTO IN FATTO

1. Con la sentenza indicata in epigrafe la Corte di Appello di Firenze ha confermato la pronuncia emessa dal Tribunale di Siena con la quale (OMISSIS) e' stato ritenuto responsabile del reato di cui all'articolo 590 c.p., per aver cagionato per colpa lesioni personali a (OMISSIS), commettendo il fatto con violazione delle norme in materia di prevenzione degli infortuni e per imprudenza, imperizia, negligenza.

Secondo l'accertamento condotto nei gradi di merito, (OMISSIS), lavoratore alle dipendenze della (OMISSIS) s.r.l., della quale era consigliere delegato (OMISSIS), stava trasferendo delle lastre di travertino dalla levigatrice alla stuccatrice quando, a causa del mancato funzionamento delle fotocellule presenti sull'impianto, rimaneva incastrato tra il carrello mobile e la rulliera fissa, riportando lesioni personali dalle quali derivava una malattia guarita in oltre quaranta giorni.

2. Avverso tale decisione ricorre per cassazione il (OMISSIS), a mezzo del difensore di fiducia, lamentando con un primo motivo la violazione di legge in relazione al Decreto Legislativo n. 81 del 2008, articoli 2, 16, 18 e 299.

Osserva l'esponente che la Corte di Appello ha ritenuto che il (OMISSIS) ricoprisse una posizione di garanzia nonostante la presenza all'interno dell'organizzazione aziendale di altre figure specificamente preposte e l'assenza di qualsiasi potere, anche di fatto, in materia di vigilanza e sicurezza dei lavoratori.

La Corte di Appello ha ritenuto la responsabilita' del (OMISSIS) perche' consigliere delegato e in quanto indicato nel documento di valutazione dei rischi come referente; ma tale documento non attribuisce alcuna qualifica tipizzata dal legislatore. Egli risulta indicato nel DVR come dirigente con funzioni di "responsabile e commerciale e produzione", mentre altra persona, (OMISSIS), viene qualificato come preposto, con funzioni di capo cantiere.

Pertanto, il (OMISSIS) era dirigente ma con funzioni connesse alla commercializzazione e alla produzione. Quanto alla qualifica di consigliere delegato, l'esponente rammenta che non trova applicazione il principio del cumulo delle responsabilita' in capo ai vertici dell'azienda quando esistente una delega esplicita o implicita della posizione di garanzia; delega che nella specie era stata conferita al Frullanti, che nella qualita' di preposto era garante dell'obbligo di assicurare la sicurezza del lavoro.

Con un secondo motivo si denuncia il vizio della motivazione perche' la Corte di Appello ha ritenuto che il (OMISSIS) avesse di fatto esercitato le funzioni di responsabile della sicurezza senza pero' che taluno abbia riferito circostanze dalle quali desumere l'esercizio di un potere di fatto. Che il (OMISSIS) impartisse disposizioni specifiche ai lavoratori in merito alle modalita' operative e' stato riferito solo dal (OMISSIS), che tuttavia e' stato smentito dai testi (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS). Quindi la sentenza impugnata non rispetta le risultanze probatorie. Risulta altresi' illogico l'uso che delle dichiarazioni dell'imputato ha fatto la Corte di Appello.

Con un terzo motivo si lamenta la illogicita' della motivazione in ordine al diniego delle attenuanti generiche, fondato sull'elevato grado della colpa; dato non reale, perche' l'imputato non ha violato alcuna regola di diligenza positivizzata o meno.

Infine si lamenta la violazione dell'articolo 538 c.p.p., per essere stata omessa la condanna del responsabile civile.

3. In data 21.10.2019 e' stata depositata memoria difensiva nell'interesse di (OMISSIS), nella quale e' argomentata la richiesta di rigetto del ricorso.

4. In data 23.10.2019 e' stata depositata memoria nell'interesse dell'impresa, con la quale si formulano osservazioni e la richiesta di provvedere all'annullamento della sentenza impugnata.

CONSIDERATO IN DIRITTO

3. Il ricorso e' inammissibile. Cio' non consente di dare rilievo al sopravvenuto decorso del termine massimo di prescrizione (cfr. Sez. U, n. 33542 del 27/06/2001, Cavalera, Rv. 219531; Sez. U, n. 23428 del 22/03/2005, Bracale, Rv. 231164; Sez. U, n. 12602 del 17/12/2015 - dep. 25/03/2016, Ricci, Rv. 266818).

3.1. Il primo motivo e' manifestamente infondato. Lo stesso ricorrente espone di aver rivestito la qualifica di consigliere delegato. E' noto che secondo la giurisprudenza di questa Corte nelle societa' di capitali, gli obblighi inerenti alla prevenzione degli infortuni posti dalla legge a carico del datore di lavoro gravano indistintamente su tutti i componenti del consiglio di amministrazione, salvo il caso di delega, validamente conferita, della posizione di garanzia (Sez. 4, n. 8118 del 01/02/2017 - dep. 20/02/2017, Ottavi, Rv. 26913301). I rilievi che si muovono alla sentenza impugnata in relazione all'interpretazione data di quanto emergente dal DVR risultano quindi recessivi, ove pure cogliessero il punto.

Il ricorrente evoca anche una delega, della cui esistenza non e' fatta menzione nelle sentenze di merito. E, d'altronde, appare evidente che nel ricorso si confonde l'attribuzione di ruoli all'interno dell'organigramma aziendale con la delega delle funzioni prevenzionistiche di cui al Decreto Legislativo n. 81 del 2008, articolo 16. Ma la prima, quando associata alla effettiva titolarita' di pertinenti poteri, fonda la posizione gestoria a titolo originario; la seconda comporta il trasferimento dal datore di lavoro ad altri di alcune sue specifiche e definite competenze e dei correlati poteri. La preposizione di un preposto non costituisce atto di delega in senso stretto; e d'altronde non sottrae il datore di lavoro ai propri obblighi di organizzazione e di vigilanza sulla osservanza delle procedure aziendali, anche da parte del preposto stesso.

3.2. Pertanto, se la presenza di altri gestori del rischio da lavoro non costituisce di per se' ragione di esonero da responsabilita' del datore di lavoro, quel che rileva e' l'identificazione del rischio che si e' concretizzato nell'evento, onde risalire a colui che avrebbe dovuto curare gli adempimenti prevenzionistici.

Nel caso che occupa, secondo la ricostruzione conforme delle sentenze di merito, l'infortunio si e' determinato perche' posta in essere una procedura di lavoro non conforme alle regole cautelari, in quanto erano state disattivate le fotocellule che comandavano l'arresto del macchinario ove il lavoratore fosse entrato nel loro campo di azione.

La Corte di appello ha esposto che cio' rispondeva ad una prassi che era tollerata dal (OMISSIS).

Si tratta di circostanze non contestate nemmeno dal ricorrente. Sicche' trova applicazione il principio secondo il quale, in tema di infortuni sul lavoro, in presenza di una prassi dei lavoratori elusiva delle prescrizioni volte alla tutela della sicurezza, non e' ravvisabile la colpa del datore di lavoro, sotto il profilo dell'esigibilita' del comportamento dovuto omesso, ove non vi sia prova della sua conoscenza, o della sua colpevole ignoranza, di tale prassi (Sez. 4, n. 32507 del 16/04/2019 - dep. 22/07/2019, Romano, Rv. 27679702).

Sotto altro profilo, che il (OMISSIS) non avesse esercitato in concreto le funzioni di vigilanza e' al contempo ragione dell'addebito - perche' proprio l'omissione dei doveri tipici del datore di lavoro aveva permesso l'ingenerarsi della scorretta prassi lavorativa - e circostanza irrilevante - ove si faccia riferimento ai compiti di vigilanza del preposto, la cui violazione si somma a quella datoriale e non la elide.

3.3. Anche il terzo motivo e' manifestamente infondato. Con esso si saldano il piano dell'an della responsabilita' e quello del quantum, laddove e' palese che a fondamento delle attenuanti generiche puo' essere posto solo un elemento che incide sulla misura del bisogno di pena dell'imputato, la cui responsabilita' e' ormai acclarata.

3.4. L'ultimo motivo e' inammissibile per carenza di interesse. L'imputato non ha interesse ad impugnare la sentenza che abbia omesso di pronunciare la condanna solidale al risarcimento del danno anche a carico del responsabile civile, e che abbia escluso l'applicazione della manleva dell'assicurato ai sensi dell'articolo 1917 c.c., da parte del responsabile civile, in quanto il vincolo di solidarieta' tra quest'ultimo e l'imputato ha efficacia "ope legis" e, per il pagamento delle spese in favore della parte civile, e' previsto dall'articolo 541 c.p.p., comma 1, (Sez. 4, Sentenza n. 3347 del 22/12/2016 dep. 23/01/2017, Mirenda e altro, Rv. 269004 - 01).

4. Segue alla declaratoria di inammissibilita' del ricorso la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali e al versamento di duemila Euro alla tassa delle ammende nonche' alla rifusione delle spese sostenute dalla parte civile (OMISSIS) che vanno liquidate in Euro 2.500,00 oltre spese generali al 15%, CPA e IVA.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di Euro duemila in favore della Cassa delle Ammende nonche' alla rifusione delle spese sostenute dalla parte civile (OMISSIS) che liquida in Euro 2.500,00 oltre spese generali al 15%, CPA e IVA.


 
P.I. 00777910159 - © Copyright Il Sole 24 Ore - Tutti i diritti riservati