Come abbonarsi Se hai acquistato il servizio e lo hai gią attivato inserisci i tuoi dati Come abbonarsi Sei abbonato ma non ti sei ancora attivato?
Entra
Come abbonarsi Non sei ancora abbonato e vuoi sapere come fare?
Come abbonarsi
Scopri di pił
 
Decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 26 aprile 2001, n. 96

Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternitą e della paternitą, a norma dell'articolo 15 della legge 8 marzo 2000, n. 53. [Testo unico maternitą e paternitą]

CAPO IX Divieto di licenziamento, dimissioni e diritto al rientro
Articolo 55
Dimissioni

(legge 30 dicembre 1971, n. 1204 art. 12; legge 8 marzo 2000, n. 53 art. 18, comma 2)

1. In caso di dimissioni volontarie presentate durante il periodo per cui è previsto, a norma dell’articolo 54, il divieto di licenziamento, la lavoratrice ha diritto alle indennità previste da disposizioni di legge e contrattuali per il caso di licenziamento. La lavoratrice e il lavoratore che si dimettono nel predetto periodo non sono tenuti al preavviso. (3)

2. La disposizione di cui al comma 1 si applica al padre lavoratore che ha fruito del congedo di paternità.

3. La disposizione di cui al comma 1 si applica anche nel caso di adozione e di affidamento, entro un anno dall'ingresso del minore nel nucleo familiare.

4. La risoluzione consensuale del rapporto o la richiesta di dimissioni presentate dalla lavoratrice, durante il periodo di gravidanza, e dalla lavoratrice o dal lavoratore durante i primi tre anni di vita del bambino o nei primi tre anni di accoglienza del minore adottato o in affidamento, o, in caso di adozione internazionale, nei primi tre anni decorrenti dalle comunicazioni di cui all'articolo 54, comma 9, devono essere convalidate dal servizio ispettivo del Ministero del lavoro e delle politiche sociali competente per territorio. A detta convalida è sospensivamente condizionata l'efficacia della risoluzione del rapporto di lavoro. (2)

[5. Nel caso di dimissioni di cui al presente articolo, la lavoratrice o il lavoratore non sono tenuti al preavviso.] (4)

(1)

-----

(1) La rubrica del capo cui il presente articolo appartiene, è stata così sostituita dall' art. 4, D.Lgs. 23.04.2003, n. 115, con decorrenza dal 28.05.2003. 

(2) Il presente comma è stato così sostituito dall'art. 4, comma 16, L. 28.06.2012, n. 92 (G.U. 03.07.2012, n. 153, S.O. n. 136) con decorrenza dal 18.07.2012. 

(3) Il presente comma è stato così sostituito dall'art. 12, D.Lgs. 15.06.2015, n. 80 con decorrenza dal 25.06.2015.

(4) Il presente comma è stato abrogato dall'art. 12, D.Lgs. 15.06.2015, n. 80 con decorrenza dal 25.06.2015.


 
P.I. 00777910159 - © Copyright Il Sole 24 Ore - Tutti i diritti riservati